L’invenzione della realtà. Dada e surrealisti ad Alba

Dal Nulla al Sogno. La fondazione Ferrero nella città di Alba espone le opere Dada e dei Surrealisti. E’ un’archeologia della follia che ha nutrito l’arte plastica, figurativa e astratta di tutto il ‘900, ma anche l’editoria, la fotografia, il cinema, la moda e la pubblicità. E’ un nulla pieno di senso, quello Dada, che si diffonde come radici sotterranee su tutta l’Europa all’inizio del secolo, per confluire nel sogno surrealista “Se voi amate l’amore amerete anche il Surrealismo”. Era nato da questo pensiero lirico e romantico stampato su un volantino. Ma diventa un movimento armato e trasgressivo, che liberava l’inconscio, esaltava il desiderio. Dava all’arte maggiori poteri. Un gioco continuo che tutti questi artisti continuano a giocare, a distanza di un secolo, con gli spettatori. E’ il nostro sguardo, ad essere il vero protagonista. Anche se siamo aiutati da miriadi di simboli la nostra percezione dell’arte e del mondo è costantemente messa in pericolo.